"L’amore è un apostrofo rosa tra le parole “E’ irrecuperabile ma quasi quasi me lo tengo”"

(Cit. Luciana Littizzeto)

Dopo una carrellata di film romantici, sono giunta a questa conclusione: ma ci credo che lì la gente si innamora così facilmente.
Lui è sempre gnocco, e se non è gnocco ha una serie spropositata e ai limiti della legalità di aspetti positivi del tipo é simpatico/intelligente/profondomanonnoioso/fenomenalealetto/leale/espertodicucina/bravissimoafareilcaffe/profumatoanchedopo10oredilavoroedipalestra/conunlavorostrafigo/ecc.
Lei é sempre bellissima, ma si sente un cesso sebbene ogni essere maschile (senza esclusione di alcuna specie) sulla faccia della terra gli vada dietro come se lei fosse l'unica al mondo ad avercela.
Solitamente uno dei due é ricco sfondato, con un ruolo lavorativo di prestigio sebbene l'altro ieri gli/le siano spuntati fuori i primi peli della pubertà.
Ci sono più tipi di storie d'amore, ma tutte rispettano un semplice e banale cliché lui ama lei, lei ama un altro, l'altro é un idiota, lei finirà inesorabilmente per amare lui dopo una serie di eventi rocamboleschi.
Oppure, lei ama lui da un eternità di tempo, ma lui é un simpatico eterno bambino che schiva con grande abilità chirurgica ogni relazione seria finendo nella metà dei letti dello stato a darci dentro come se non ci fosse un domani. In questo tipo di storia, a un certo punto lui si accorge che per tutta la vita, sebbene abbia fatto sesso con più donne di quante ne abbiano incontrate gli attori dei film porno, é stato innamorato di lei.
Gira e rigira il lieto fine é di default.
Lui solitamente se non é ricco fa di quei lavori stra sexy tipo: barista/psicologodicuoriinfranti, meccanico/mrmuscolo, musicista o scrittore squattrinato.
Se lei è quella povera sicuramente é perché dietro ha una storia così triste da far sembrare quella di Bambi una storia d'allegria e felicità.
Ciò che mi spiazza é la logica dei più di questi film: sebbene loro due siano innamoratissimi (anche se arrivano a dichiararlo solo dopo 90min di film) al primo bacio della coppia, o alla prima botta, succede sempre che il giorno dopo uno dei due dice "facciamo finta che non sia successo niente", proprio nell'istante nel quale l'altro sta per fare un discorso d'amore da fare invidia a Romeo. Oppure, lei va a casa di lui per parlare dell'accaduto ma lo trova con in casa un'altra, magari una ex estremamente bastarda, oppure una sorella sconosciuta di cui non ci sono foto in giro per casa e che ha vissuto negli ultimi 15 anni al polo nord esclusa da ogni contatto con la civiltà. Sta di fatto che la protagonista, trova il suo amato in casa con una tipa, solitamente stra gnocca, con il quale però lui non ha fatto assolutamente nulla, ma la protagonista non da tempo al ragazzo di spiegare niente e scappa via, taglia ogni mezzo di comunicazione con lui, credendo che per tutta la notte e la mattina se la sia spassata alla grande con l'altra. Naturalmente, lui solo a fine film, quando lei ormai si è strafogata di gelato da aver preso su 20 kg e ha sviluppato una dipendenza per la vodka e per inutili e deprimenti soap opera televisive, si decide a dirle "io con quella non ci sono andato a letto é miasorella/miamadreringiovanitadi50anni/miacugina/miazia/mianonnaincariola/lamiaparruchierra/MagaMagò/lamiaexcheodio/lamiatrombaamicacheperònonépiutale/lapostina/ecc...
Ma tralasciando questi piccolissimi dettagli, nei film romantici innamorarsi é una cosa semplice. Si perché lui, sebbene se con le altre é il re dei fetenti più fetenti, con la protagonista é l'uomo più dolce/carino/simpatico/premuroso/protettivo/innamoratoperso del mondo. Lui le lascia i suoi spazi, ma é sempre li pronto ad aiutarla. Lui é sempre perfetto anche alle 8 del mattino da appena sveglio e con una post sbornia assurdo. Lui é disposto ad aspettarla in eterno, e non fa alcuna pressione per quanto riguarda sesso, scelte di vita, idee, ecc... Lei é malinconica, ma anche allegra e piena di speranze. Entrambi pronunciano sempre la parola giusta al momento giusto. Non si dicono semplicemente "ti amo", ma fanno dei soliloqui commoventi per i quali viene naturale darsi ad atti osceni in luoghi pubblici. E poi questi mica abitano in cittadelle orribili, loro vivono in grandi città New York/Londra/Madrid/Parigi/LosAngeles/ecc... E se non vivono in grandi città, vivono in paesini caratteristici, di quelli che durante il ciclo delle 4 stagioni si colarono di tutte le sfumature esistenti sulla faccia della terra.
Le protagoniste non hanno quasi mai dubbi su chi amano, e nel caso stiano con un altro prima di incontrare il protagonista, il primo si rivelerà successivamente un grande bastardo e spingerà inconsciamente la giovane nelle braccia del protagonista.
Certo che innamorarsi così é facile.
Più difficile é innamorarsi nella vita vera, quando hai a che fare con adorabili idioti patentati che inspiegabilmente, sebbene ne combinino di tutti i colori alla prima cosa giusta che fanno, ti rubano il cuore.
Noi, non protagoniste di film romantici, abbiamo a che fare con esseri che tradiscono e non ostante tutto continuano ad essere innamorati di te. Con dolci squattrinati, alcune volte pure nulla facenti. Stiamo con ragazzi che da ubriachi sono tutto tranne che sexy, anzi il mattino dopo ti ritrovi pure ad ascoltare lamentele per il mal di testa e la nausea come se stessero per morire. E per diccela tutta, é facile innamorarsi in città che già di per loro sono simbolo di amore per qualcosa.
É facile innamorarsi di mister perfezione incarnata in un 1,90 per 90kg di muscoli e cervello, e perché no, conto in banca.
E poi, per non parlare della colonna sonora che da una marcia in più alla storia d'amore.
Ma nella vita vera non parte la musica nei momenti catartici. L'altra spesso non é affatto una orribile strega ma una persona carina e simpatica che semplicemente non é te.
Si hanno paranoie per dirsi "ti amo" e non sempre si hanno le parole giuste nel momento giusto. Lui non appare come per magia in mezzo alla folla o nella stanza nei momenti in cui più ne avresti bisogno. Anzi, a volte tu lo chiami perché hai davvero bisogno, ma lui non capisce e nemmeno arriva.
Non tutte le litigate finiscono con baci appassionati e arrotolamenti acrobatici nel letto. Certe litigate finiscono con un bel "Va a quel paese e rimanici!".
Ma non ostante tutto ciò, le storie d'amore nella vita vera possono essere molto più belle di quelle dei film perché vere.
Mister perfezione é tale solo perché finto, il nostro é Mr. Imperfetto, ma é un imperfetto che ci piace. Che ci spinge a spendere ore a truccarci, depilarci, a spendere soldi in vestiti e lingerie che neanche avrà la decenza di notare. Il nostro vero lui, si perde in discorsi alcune volte incomprensibili e farfuglia parole nonsense, ma ogni tanto spunta fuori con frasi che ci tolgono il respiro sebbene siano del tutto banali. Lui si annoia a parlare, eppure sebbene ci fissi tette o culo, si spende ad ascoltarci. Spesso riesce a toccare tutti gli aspetti che ci fanno saltare i nervi. Va in panico appena vede tuo padre e forse non ha nemmeno mai fatto a botte in tutta la sua vita, ma la semplice idea che possa farlo per te non ha prezzo.
Non é sempre paziente, e riesce ad essere un perfetto idiota se ci si applica. Fa tanto il gradasso, ma all'inizio é più impacciato di te. Non ti porta a mangiare in ristoranti chic, non ti porta la colazione a letto ogni week-end e non ti lascia messaggini d'amore sparsi per casa. Ciò non toglie che ci ami alla follia, anche quando siamo insopportabili (vedi per ciclo/perl'amicaidiotaconlaqualehailitigato/pertuopadrechenonticapisce/tuamadrechenonascolta/unesameandatomale/unregalononfatto/ecc..).
Le nostre storie d'amore non saranno mai come quelle dei film, che nella vita vera del lieto fino ci se ne fa poco che niente. Anche perché la fine appartiene solo ai morti. Certo, ogni tanto (spesso) si desidera qualche relazione come quelle rappresentate sui grandi schermi. Ma devo ammettere che anche le storie dove ci si ritrova con la lavatrice rotta, la lavastoviglie da caricare, i problemi da risolvere, le bollette da pagare, le brutte giornate che si sommano e si mescolano, la sola voglia di dormire assieme, gli incontri di sfuggita, le uscite che diventano romantiche anche se sei con un gruppo d'amici non sono affatto male!





You Might Also Like

2 commenti

  1. La descrizione dei film mi ha fatta morire!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahaha ma dai sono assurdi...comunque, sul finale mi sono dovuta riprendere dal mio cinismo e dare alito al mio animo romantico, perché inizia o a sentirmi una zitella acida (la quale probabilmente sono)! :)

      Elimina