Non sono una ballerina, ma sto mettendo in scena la più bellainterpretazione del "Lago dei Cigni" che io abbia mai visto!

Ora, non prendetemi in giro ma mi sono iscritta a un corso di ballo dal fantasticoso e bizzarro nome: "gestualità femminile". Che impratica è una sottospecie di zumba integrata (appunto) con la gestualità femminile dei balli caraibici. Tradotto: sto imparando a sculettare e a scuotere a ritmo la mia terza scarsa. E mi sto divertendo come una pazza! 

Mi ha costretto mia madre ad andare a provare con lei questo corso ed è stato bello, divertente e illuminante. 
Non mi sono mai sentita a mio agio nella mia pelle. Mi vergogno come una ladra quando mi sento guardata o desiderata. Sempre sentita in colpa quando qualche ragazzo mi faceva dei complimenti sul mio corpo o sulla mia persona. A casa mia l'essere donne non si è mai vissuto del tutto appieno. Sono cresciuta in un ambiente che potrebbe benissimo essere la trasportazione ai nostri giorni di un libro di Jane Austen. Dove l'importante è essere delle ragazze innocenti, non provocanti, tutte casa e chiesa. Il che non è male. Io sono a favore del avere dei principi, ma essi non devono essere delle catene che ti costringono a sopprimere, giudicare e mortificare una parte di te. 
Sentirsi belle e volersi sentire tali non è un crimine, e io per una vita mi sono sentita in colpa per ogni minimo sguardo o complimento che andasse oltre al "ti trovo carina". 
Come se fosse un peccato attirare lo sguardo di qualcuno sul proprio corpo. Come se un ragazzo dovesse accettare solo il mio essere, e il mio corpo non fosse altro che un involucro ingombrante e imbarazzante. 
Come se il mio corpo non appartenesse nemmeno a me, ma a qualcun altro. 
Mi sono sentita per tutto questo tempo una proprietà destinata a passare di consegna da un uomo all'altro della mia vita. 
Invece, non c'è nulla di male nell'essere sexy, nell'essere ben conscie dell'effetto che il nostro corpo fa su qualcun altro e di che effetto il corpo di un altra persona fa su di noi. 
Una vita a sentirmi dire di non diventare la ragazza oggetto di qualcuno, e non mi ero accorta che l'essere un oggetto o meno non dipende solo dal sesso. Dipende da come ci si sente dentro, da come utilizzi e concedi quello che sei, anima e corpo compresi. 
Sono cresciuta in un ambiente dove le ragazze belline, che ci tengono a farsi belle, che sanno flertare e che si sento a proprio agio nel loro corpo siano da non copiare. Ragazze frivole che concentrano tutto sulla loro apparenza. Inizio a pensare che in realtà, siano solo donne che stanno bene in ciò che sono. Che hanno visto che l'essere guardate, desiderate e volute non è una debolezza, anzi è una forza.
L'essere scelte fa bene alla salute. 
E non si può separare il corpo da quello che si è dentro. Si può lavorare per far si che i due si amalmighino e rispettino a vicenda, che si completino. 
Amarsi e farsi amare, senza fuggire dagli altri o da se stessi. 
Abitare la pelle che si ha e permettere che gli altri l'apprezzino. 
E si, ho capito tutto ciò mentre ero in una sala piena di donne con i tacchetti che sorridentemente scuoteva ogni curva del loro corpo. Mente io ero con tanto di converse, imbarazzata dal mio riflesso nello specchio. Sembravo un orso bruno drogato, sedato e in preda a crisi di panico e di spasmi muscolari. Mente loro erano bellissime. Era come se potessero prendersi qualsiasi cosa avessero voluto senza farsi tanti problemi. Come se sapessero dire di no senza sentirsi in torno o in colpa. 
Sembravano non temere niente. E lo so, sicuramente anche loro avranno le loro paure, ma le sapevano ben coprire e ciò è una gran bella difesa. 
Si, voglio imparare ad essere più femminile. A godermi il mio corpo e a capire come muoverlo per vivere al meglio la pelle che abito. Il movimento è vita, e il corpo crea movimento. Ho voglia di vivere e di vivere bene. Voglio iniziare questa metamorfosi. Non voglio più sentirmi un brutto anatroccolo, ora voglio diventare un cigno! 

You Might Also Like

13 commenti

  1. Bellissimo post di auto-analisi introspettiva. Hai finalmente capito la strada che dovrai percorre per avere un rapporto positivo con il tuo corpo e con le persone che ti stanno intorno, e questo non potrà mai essere un male. Chi vive nella paura, nell'incertezza e nel desiderio di cambiare, ha bisogno di andare avanti e concludere qualcosa, piuttosto che etichettare chi sta bene con se stesso come "frivolo". E questo lo dico perché per molto, ma molto tempo (ed in parte è ancora così), sono stato schiavo del mio corpo e dei miei pregiudizi. Sono contento che tu stia cercando di migliorare :)
    Buona fortuna! :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille, mi fai commuovere! Concordo in pieno con te, i più chi sta bene con se stesso è più felice e la felicità non è mai frivolezza! :) un bacio

      Elimina
  2. Quando si capisce qualcosa in più di sé e, soprattutto, si fa qualcosa per andare verso un personale miglioramento, be', a quel punto puoi dire di aver raggiunto un grandissimo traguardo. <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mareva <3 si, infatti, come sempre hai la parola giusta nel momento giusto! Un bacio

      Elimina
  3. Risposte
    1. Mi trovi nei "peggiori bar di Bologna" (semicit) <3

      Elimina
  4. La costruzione della propria femminilità, è faticosa ed in continuo movimento per tutte...
    Però, a quanto pare tu hai raggiunto un bellissimo traguardo: una nuova consapevolezza di te stessa!
    :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti, la femminilità cambia con il cambiare dell'età e della vita! Un bacio

      Elimina
  5. Questo post è bellissimo... e poi soprattutto brava, anzi bravissima per il raggiungimento di questo traguardo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille cara! :) speriamo di continuare così :) un bacio

      Elimina
  6. Bisogna stare bene con se stessi, questo è sicuro. Ma attenta a non concentrarti solo sull'aspetto esteriore poi.. O rischi di finire come la maggior parte delle ragazzine che vedi in centro, vestite in modi ridicoli solo per farsi ammirare.. E si lamentano anche di non trovare una storia seria.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo, ma quello che voglio non è ne essere ammirata ne desiderata, l'obiettivo è stare bene con se stessi, tutto il resto viene da se... :)

      Elimina
    2. Non c'è niente di meglio che stare bene con se stessi! :) un corso di danza però a volte non basta a raggiungere lo scopo.. :(

      Elimina