"Io questa sera mi vesto da sogno, esco e ritorno domani... Perso nel cielo anche io, con gli occhi ancora in cerca degli aeroplani..."

("Aereoplani" - Coez)

Mi piacciono le serate felici, quelle dove bevi vino, dove ridi tanto, dove chiacchieri e ti conosci che non smetti mai di scoprire cose nuove della persona che hai davanti.
Mi piace tornare a casa con il sorriso stampato e una playlist in riproduzione casuale che sembra passare tutte le canzoni giuste e allora divento felice, che mi piace pensare di essere unita al caso, di poterlo influenzare con il mio umore.
Non mi pento più di niente, ne di quello che faccio ne di quello che non faccio.
E sono felice e poi triste, rido a crepapelle, mi addormento singhiozzando, sogno tanto più ad occhi aperti che chiusi.
Che forse è anche vero che si impara più dagli errori che dalle scelte giuste, ma delle volte è così bello non imparare niente, non capirci niente, esserci e basta senza morale, senza etica, senza logica.
Non mi pento più nemmeno per i baci che gli ho dato che a volte tremavo e altre volte ridevo ed era bello vivere qualcosa a caso, ed era bello sporcare il piumone di rossetto, prendere un treno e raggiungerlo, esporsi fino a farsi male e imparare a capire quando è l'ora di mollare la presa e mettersi in salvo.
Che puoi amare tutti, ma devi amare te stesso molto di più.
Non mi pento nemmeno di quando piango e non capisco, non mi do pace e arriva potente come una pugnalata in pieno petto la malinconia di una farsa.
Ma sapete che vi dico?
Io sono io e mi vado bene così, con il mio dolore, con i miei sorrisi, la mia negatività, la mia positività, la mia energia e la voglia di fare, scoprire, cantare, urlare. So anche fare le rivoluzioni o almeno ci provo. E impazzisco e mi innamoro di persone sbagliatissime e mi ubriaco, faccio mattino, recupero vecchi rapporti, so ancora vedere la bellezza oltre l'orrore. Io so metterci il cuore e delle volte lo rimpongo nelle mani sbagliate e poi vado a riprenderlo e pago le spese di quei girotondi continui intorni ai miei vuoti emotivi.
Ma non ho sprecato nulla, conservo tutto, ci so anche ridere su, riesco ancora a ricordare con amore chi mi ha fatto male ma anche tanto bene, quei piccoli unici e inestimabili momenti dove ero lì con tutta me stessa e sentivo tutto e provavo tanto.
Sono una dipendente emotiva, in una continua riabilitazione dai rapporti con gli altri, alla continua ricerca di me stessa e mi perdo e mi trovo e mi riperdo e non smetto mai di stancarmi di me, di questa vita, dell'altro, del bene e del male!
No, ad oggi non mi pento di niente...accolgo tutto...mi abbraccio e vado avanti senza fretta, con pazienza, con tutto l'amore e il tempo necessario!

You Might Also Like

33 commenti

  1. Soprattutto col tempo necessario. Perché neanche immagini di cosa è capace. Il tempo.

    RispondiElimina
  2. Brava la prima cosa è amarsi, accettarsi ed essere clementi con sé stessi. Buona giornata

    RispondiElimina
  3. ..e vado avanti pensando che ; nonostante tutto e tutti verranno giorni migliori
    serena giornata

    RispondiElimina
  4. beh, ricordarsi con amore chi ti ha ferito anche no dai.....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Invece si, dopo tempo, è un amore agape, delle volte ci si fa male non intenzionalmente e capisci cose con il senno del poi...ovvio uno che ti ferisce apposta non merita nulla se non il "ognuno per la sua strada"...

      Elimina
    2. perdonami ma..... se continui a ragionare così prenderai solo tranvate

      Elimina
  5. Tu vivi tutto molto intensamente. Mi vien da dire "ferocemente", che per me è positivo e bellissimo. Anche un po' tremendo a volte, però resta bellissimo.
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
  6. Nessun rimpianto, si va avanti e di tutte le esperienze si fa tesoro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Assolutamente...e poi dai va bene così, poteva andare meglio come peggio era da scoprire e non si poteva fare se non vivendo!

      Elimina
  7. Andare avanti, sempre, con più forza di prima

    RispondiElimina
  8. Fai bene a non avere rimpianti e ad abbracciarti ogni giorno di più.
    Questo è il segreto della felicità. Anzi, diciamo serenità per scaramanzia. 😉

    RispondiElimina
  9. fai bene a lasciarti vivere anche tra gli "errori" che poi questi "errori" ti aiuteranno a capire quando sarà il momento...
    e credimi il momento arriva solo per le persone che si lasciano vivere...

    RispondiElimina
  10. Fai bene ad accettarti così come sei, con i tuoi pregi e i tuoi difetti, fai bene a vivere intensamente e a goderti ogni attimo. Saluti.

    RispondiElimina
  11. Che bello sentirti così serena e grintosa, tesoro!
    Alla fine sono tutte le scelte e le esperienze che viviamo, belle o brutte che siano, che ci rendono unici e chi siamo, ed è giusto imparare accettarle ed accertarci! :)
    Baci!
    S
    https://s-fashion-avenue.blogspot.com

    RispondiElimina
  12. Questo tempo che passa così veloce , e ci fa dire : è gia' Domani.
    Dicono sia la cura per tante cose , ma penso che la vera "cura" siamo noi.
    Come scrivi bene , vivi ogni cosa che arriverà , in bene o in sofferenza tutto è un aiuto per diventare piu' forti .

    Complimenti per il tuo blog , ne leggero' ancora post , grazie di essere passata ed avermi lasciato un bellissimo pensiero .

    Buona giornata un sorriso.

    Rosy

    RispondiElimina
  13. Niente rimpianti, la vita è fatta di tante esperienze. Voglio lasciarti una bella citazione di Jim Morrison:

    "Non c'è notte tanto lunga da non permettere al sole di risorgere il giorno dopo."

    Ciao Fede.

    RispondiElimina
  14. Che poesia questo post, sarebbe da incorniciare. Io ci ho messo tanto di quel tempo a pensare nella maniera giusta a chi mi aveva fatto del male senza portare rancore o provare ancora dolore. Il tempi aiuta ma non cancella.

    RispondiElimina
  15. Brava Fede, con questa consapevolezza non puoi far altro che crescere e fortificarti! Prima o poi arriverà quell'amore che ti stravolgerà la vita e non ti mollerà più...intanto tu non smettere di volerti bene ❤️

    RispondiElimina
  16. Non so, io delle volte mi pento, ripenso alle cose e mi pento, mi chiedo se ho fatto bene, se male, se così così... Vorrei essere in grado di spegnere il cervello, di volare come un palloncino. Sai, a volte guardo una mia amica che "ma dove ha la testa?" "quella viene dalle montagne del sapone", "c'ha la testa tra le nuvole" e penso alla quantità di pippe mentali che si risparmia.
    Poi alla fine io sono io, tu sei tu, e lei è lei. Per quanto cerco di smussare alcuni angoli del mio carattere, di rafforzarne altri, di forzarmi in qualche aspetto, poi alla fine resto sempre la stessa. Un po' diversa, ma sempre uguale.

    RispondiElimina
  17. Sono contenta che non rimpiangi niente perché è cosi che dovrebbe essere, non bisogna rimpiangere niente di quello che è stato fatto perché significherebbe rinnegare se stessi. La cosa da fare, dal mio punto di vista, è prendere coscienza di tutto, come lo fai tu e andare avanti cercando di arrivare nei nostri tempi e nei nostri modi dove vogliamo arrivare. Festina lente, ma soprattutto festina gratiam tui.

    RispondiElimina
  18. Fatti forza sulle tue esperienze e va avanti con grinta, brava!
    Kisses, Paola.

    Expressyourself

    RispondiElimina
  19. Estupenda tu entrada! Espero verte pronto por mi blog! Feliz fin de semana precios@! ♥️♥️♥️

    RispondiElimina
  20. Bellissimi pensieri...che io condivido, alla mia età mi sono sempre detta rifarei tutto, anche quelli che poi si sono rivelati errori li rifarei, perché ho fatto sempre quello che mi dettava il cuore, l ho voluto ed accetto tutto...tu sei giovanissima e lo hai capito molto prima di me :) brava! baci

    RispondiElimina