Vademecum per Librai: Idee e Consigli per una Libreria da Sogno!

Oggi, Lettori Very Superficial vi propongo un post dove parliamo di librerie e di come farle sopravvivere all'ondata degli acquisti online e delle grandi catene!
Di recente una piccola libreria, l'unica a dire il vero, del mio quartiere ha chiuso i battenti. Ci sarò passata d'avanti almeno un milione di volte ripromettendomi sempre di entrarvici senza poi farlo mai. Idealmente mi piaceva l'idea di avere un luogo vicino casa dove acquistare un buon libro, ma pragmaticamente quel posto non mi attirava, già la disposizione della sua vetrina mi indisponeva: troppo caotica, un insieme di libri e oggetti disposti alla rinfusa.
Poi c'era il problema orario: orari troppo rigidi e brevi, che proprio non combaciavano con i miei impegni.
Sta di fatto che riflettendoci sono molte le piccole librerie che tutti i giorni chiudono i battenti, asfaltate dalle grandi catene, dal sopravvento dei Kindle e dalla vendita online di libri.
Trovo che sia un peccato, soprattutto ora che mi sto aprendo alla vita di quartiere e che penso che ci sia veramente bisogno di ricreare una rete di contatti fatta di persone in carne ed ossa!
Quindi, ho pensato di scrivere questo post sperando che i consigli (alcuni iper-ovvi, sia chiaro) di una lettrice accanita possano essere d'aiuto a qualcuno! 😊😊

ATMOSFERA

Book Actually, Singapore
Ecco,  le librerie di oggi hanno bisogno di trasmettere esclusività e ricercatezza, la voglia di condividere il dove si è, la voglia di entrare in un luogo che dia l'idea di essere unico. Non importa quanto sia grande la location, quello che conta è che tutto al suo interno sia ben disposto. 
Le due parole chiave, secondo me sono: ordine e stile. 
Se entro in libreria ho bisogno di poter aggirarmi liberamente fra gli scafali senza però che mi sia tolto il piacere di avere la sensazione di "spulciare" fra i vari libri e trovare quello perfetto per me, come se il nostro incontro fosse dato dal fato. 
Quindi: musica non troppo alta e preferibilmente suoni di sottofondo dolci, armoniosi, rilassanti. Jazz, musica classica, rumori bianchi, playlist Spotify apposita. Quello che volete purché anche la musica mantenga un suo stile e sia idonea al contesto. 
Pareti dai colori chiari e pastello che visivamente diano l'idea di calma ma anche allarghino visivamente lo spazio.
Se ce n'è la possibilità, almeno qualche puff, sedia o poltrona a disposizione del visitatore. Cosa c'è di più bello di entrare in un posto e avere l'idea di poterci rimanere? Di essere i benvenuti e i benaccetti? 
Entrare in una libreria e a avere l'opportunità di poter leggere qualche riga prima di comprare il libro, di gustarselo ancor prima dell'acquisto! 
A seconda dello stile che scegliete potete optare per : divani o poltroncine usate, puff dai sapori orientali, sedie dal design ultra moderno. 
Lampade di sale, lampade futuristiche, lampade dalle luci soffuse o cromatiche, ogni dettaglio deve essere inserito in un contesto e soprattutto in una libreria c'è bisogno di luce, luce per vedere bene e leggere meglio! 
Potete anche inserire quadri alle pareti con delle frasi d'ispirazione e un font glamour. 
Un piccolo mappando vicino alla sezione "viaggi" e una bacheca dove appendere foto e cartoline dei vostri viaggi e di quelli della vostra utenza!
Giocattoli a disposizione dei più piccoli, qualche ricetta in primo piano tratta da qualche libro in vendita nella sezione dedicata alla cucina.
Lucine che formano scritte al posto di quadri o disegni, oppure date spazio agli artisti della vostra città e chiedetegli qualche loro opera da mettere in mostra e vendere successivamente nel caso qualche cliente desideri il pezzo! 
Lasciate a chi entra nella vostra libreria la possibilità di godersela appieno, di girare liberamente, di guardare fra gli scafali e prendere respiro ed ispirazione! 
Anche la vetrina deve essere ben curata, ordinata e con in primo piano il tipo di lettore che si vuole attirare! Una vetrina che lasci intravedere la bellezza che vi è dietro, all'interno del negozio e che spinga il probabile cliente ad entrare! 

LIBRI

In una libreria, ovviamente, al centro dell'attenzione vi sono i libri. 
Per le piccole librerie è complicato competere in sconti e prezzi con le più grandi e famose catene. Però, secondo me due o tre strategie per spingere le persone a scegliere proprio la vostra libreria, a prescindere dal risparmiare o meno qualche euro, vi sono. 
1-  La classifica del libraio: Oltre alle solite e doverose classifiche dei libri più venduti della settimana o del mese, potreste creare una vostra personale classifica dei libri che trovate più interessanti del mese. Libri di nicchia o poco conosciuti, libri che vi hanno conquistato e che spaziano di più generi. Potrebbe essere anche classifica dove scegliete il vostro Number One per categoria, ad esempio: il migliore a tema viaggi, il migliore romanzo romantico, il miglior libro di saggistica, ecc... 
2- Appuntamento al buio con un libro: un grande classico ormai, che però rende sempre affascinante una libreria. Una cesta o uno scaffale dove il lettore sorteggerà un libro totalmente avvolto da della carta che cela il contenuto del libro e la sua copertina, a fargli da bussola nella scelta una vostra piccola descrizione sull'argomento, ma mi raccomando non svelate troppo. Anche qui, largo alla fantasia nel pacchetto, potreste scegliere una carta ecosostenibile, il biglietto nel quale scrivere la descrizione potrebbe contenere dietro i recapiti social e l'indirizzo della vostra libreria. Insomma, un vero e proprio biglietto da visita! 
3- Personalizzate i libri che consigliate di leggere: non basta una classifica del "libraio consiglia" per far innamorare un lettore di un libro, si ha bisogno di molto di più, di qualcosa del librario stesso. Ecco, sui libri che decidete di consigliare metteteci la faccia e il nome della libreria, sul libro un biglietto con una breve e concisa spiegazione del perché io lettore dovrei acquistare proprio quel libro da te. Se tu librario mi consigli un libro, se quel libro mi piace, allora io tornerò da te perché mi hai dato un qualcosa di più, sei stato un ottimo consigliere, un amico fidato. E se il libro non mi piace? Comunque mi ricorderò degli altri libri che mi stavi consigliando, di quello che forse ero indecisa ad acquistare oppure potrei passare per confrontarmi a riguardo. Chi osa, molto spesso vince! 
4- Libri Scontati: Non è necessario scontare a più non posso, ma creare ad hoc delle campagne. Potreste abbracciare certi temi sociali che vi stanno a cuore e creare per quegli eventi dei special
Price. 
Ad esempio: Festa della Donna, libri di grandi scrittrici donne scontati oppure applicare uno sconticino alle donne che acquistano quel giorno qualcosa presso la vostra libreria. 
Oppure, inserire un buono sconto per un prossimo acquisto all'interno di qualche copia dei libri selezionati nelle varie classifiche che avete come riferimento in negozio. 
Un'altra idea può essere quella di fidelizzare il cliente attraverso delle card che dopo l'acquisto di un tot di numero di libri diano la possibilità all'acquirente di ricevere uno sconto sull'acquisto successivo!
5- Book Box: le box piacciono a tutti, piacciono soprattutto perché danno l'idea di un dono e contengono più oggetti dando così la percezione di aver fatto un affarone! Potreste creare dei cofanetti tematici, ad esempio: La Box per gli amanti della saggistica o delle Box viaggio contenenti una guida sulla destinazione che la persona deve raggiungere, una cartina geografica, una guida tascabile e un libro a scelta scontato o in regalo! Dentro la Box potreste anche inserire un vostro gadget, ma per i gadget vi chiedo di aspettare il punto successivo!


BRANDIZZATEVI 

Rendete la vostra libreria un vero e proprio brand, dategli un immagine e una personalità, fate sì che la gente l'ami non solo per quel che vende ma per quel che rappresenta!
Non è necessario investire un capitalo per far sì che una semplice libreria diventi qualcosa di più, basta solo essere astuti e saggi nel scegliere su cosa investire! 
Chi lavora dentro la libreria potrebbe indossare una maglia o una spilla con il logo o con una frase o motto che vi rappresenti. 
Potreste creare dei segnalibri personalizzati e delle spille o una shopping bag da vendere o regalare con acquisti di un certo valore da voi stabiliti. 
Potreste anche personalizzare delle matite, magari di quelle che quando finiscono possono essere coltivate e dare vita a piantine. Degli adesivi o dei bigliettini con spazio per dediche con il vostro logo.
Insomma, una gamma di gadget vendibili o donabili che riportino l'utente a voi, che convincano che voi non siate una semplice libreria come tutte le altre ma un vero e proprio stile di vita!

SOCIAL NETWORK E WEB

Nel 2018 non si può trascurare l'aspetto social che ogni attività deve avere e curare. 
I due social al quale non potete rinunciare sono: Facebook e Instagram
La vostra libreria deve avere una pagina Facebook, notate bene pagina non gruppo, e deve essere aggiornata costantemente! Sopra potete condividervi vostri pensieri, eventi, foto, post scritti di vostro pugno o d'altri. Creare una community vuol dire diffondere se stessi e la propria attività in un rapporto diretto con il pubblico! Tramite la vostra pagina Facebook gli utenti potranno contattarvi, conoscervi o recensirvi! 
Insomma, non è importante solo il passa parola a voce ma anche quello virtuale! Con la vostra pagina Facebook potrete ricordare all'utenza che ci siete, inoltre con campagne mirate e spendendo poco più di qualche ventina di euro potrete farvi conoscere da molti vostri concittadini! 
Anche Instagram è importante, soprattutto se collegato alla pagina Facebook, tramite questo social potrete condividere foto della vostra libreria e dei vostri clienti (previo consenso ovviamente). Potrete fare sondaggi ed espandervi! 
I social sono un ottimo mezzo anche per aprirsi a nuove opportunità lavorative e a collaborazioni vantaggiose sia per voi che per l'altra parte! 
Date vita a un #hashtag che vi rappresenti e che i vostri utenti possano utilizzare per targarsi quando comprano qualcosa da voi o mentre sono nella vostra libreria! Potreste proprio creare un angolo social (un tavolino non pensate chissà che cosa) dove gli utenti possono trovare mascherine, baffi finti o qualcosa di simpatico con il quale immortalarsi all'interno della libreria. Potreste aprire anche un Contest mensile e la foto che ritenete più bella riproporla sui vostri sociale e/o stamparla ed esporla in una bacheca con i vari vincitori dei vari mesi. 
Indispensabile è anche un sito web di proprietà della libreria, dove descrivete chi siete e il vostro mood! Qualche foto interessante e recensioni dei libri che vendete, descrizioni dettagliata degli eventi, potreste anche aprire uno spazio dove raccontate la vita di un librario o suggerire qualche tematica interessante approfondendola e proponendo letture correlate all'argomento trattato! 
Potreste anche creare post in collaborazione con case editrice emergenti, oppure post su case editrici famose tipo: storia della casa editrice, vostra Top 10 dei libri da loro pubblicati,ecc... 

CREATE RETE SOCIALE

Una piccola libreria per sopravvivere deve creare rete sociale, diventare un punto di riferimento per il quartiere dove è ubicata e spingere chi è lontano a passare di lì. Se le grandi ospitate di grandi autori sono fuori budget, i modi per attirare persone e fidelizzare clienti vi sono eccome e sono più low cost di quel che si pensi! 
1-  Presentazione di libri: date spazio agli autori emergenti e alle piccole case editrici! Sponsorizzate l'evento sui vari social, create interesse! Usate l'evento per scattare e condividere foto! 
2-  Esperti in Libreria: Fate in modo che la vostra libreria sia un punto di riferimento per la community del quartiere e della vostra città. Un posto dove non solo si trovano libri interessanti e belli, ma anche dove andare per passare del tempo piacevole e utile. C'è un libro con un tema interessante che vi ha colpito, ma invitare l'autore sarebbe troppo dispendioso? 
Perché non contattare qualche esperto dell'argomento che venga in libreria a parlarne? Ad esempio, mi è piaciuto un libro che tratta il tema della maternità? Magari potrei chiedere di venire in libreria a parlare di ciò a un ostetrica, un'infermiera o una psicologa! 
Eh si, tutto ciò potrebbe essere fatto in maniera totalmente gratuita. 
Le nostre città sono piene di neo professionisti che desiderano farsi conoscere ma non sanno come, un evento del genere sarebbe un ottimo scambio alla pari: una pubblicità per entrambi. Quell'evento porterebbe gente in libreria interessata a quell'argomento e che quindi è intenzionata anche a documentarsi tramite libri, e il professionista potrebbe dare il suo biglietto da visita e farsi conoscere sul campo da quelle persone che poi avranno già un contatto al quale rivolgersi per prestazioni personalizzate e a pagamento! 
I professionisti sui quali puntare possono essere ad esempio: psicologi, infermieri, medici, ostetriche, commercialisti, avvocati, associazioni, pedagogisti o insegnanti! 
3- Club del Libro: potreste aprire la vostra libreria a un incontro serale o mattutino nei giorni festivi, settimanale o mensile, dove scelto il libro del mese le persone possano venire a parlarne e confrontarsi a riguardo. Scegliendo voi il libro o facendolo scegliere sui vari social ai vostri follower potreste avere degli acquirenti fissi che non solo spendono soldi da voi ma sono anche affezionati al vostro spazio. 
4- Eventi mensili rivolti a un utenza specifica: Potreste aprire la vostra libreria alle neo mamme e ai loro bambini, magari proponendo mensilmente un libro per bambini da leggere tutti assieme! Oppure,  potreste creare un evento apposito per gli scrittori emergenti della vostra città o per i poeti. 
5- Libreria aperta ai giovani: Maturità ed esame di terza media sono due costanti di ogni adolescente, perché non usarle a vostro e a loro vantaggio? La vostra libreria potrebbe diventare il loro punto di riferimento, il luogo dove procurarsi la bibliografia per la loro tesina. Il concept è facile, loro scelgono un argomento e voi gli proponete dei libri che possono essere utili ai fini della tesina! Tutti soddisfatti, persino il vostro conto cassa! 
6- Film in libreria: Un proiettore e una parete bianca possono fare miracoli e aumentare le vendite! Perché non proporre mensilmente la visione di un film in libreria, ma non uno a caso, un film tratto da un libro. E magari per l'occasione potreste scontare il libro in questione!
7- Aperitivo della libreria: Qualcosa d'informale, magari proposto nel bar o nella pasticceria del quartiere, per passare del tempo insieme e salutarsi prima delle vacanze natalizie e/o di quelle estive. 

Questi sono i miei consigli d'amante dei libri, delle librerie e da persona che vorrebbe davvero vivere di più il quartiere nel quale abita...E voi cosa ne pensate? 
Avete qualche consiglio in più? 
Nel caso abbiate una libreria trovate questi consigli fattibili?

You Might Also Like

65 commenti

  1. E' davvero un peccato che tante librerie stiano chiudendo i battenti. Ed è sempre più difficile mantenerle nei piccoli centri.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Veramente, ma di base secondo me vi è proprio questo non creare rete e farsi voler bene!

      Elimina
  2. Un vero vademecum su come far nascere, personalizzare e far sopravvivere una vera libreria in questa giungla di multicenter del libro.

    RispondiElimina
  3. Anche io amo leggere, e devo dire che continuo a preferire i libri veri piuttosto che gli ebook. Qua a Bologna molte piccole librerie hanno capito che per sopravvivere devono proporre qualcosa di nuovo, di speciale che coinvolga la clientela. Si possono fare davvero tante belle iniziative

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo so :) sono anche io di Bologna, io amo la Libreria delle Donne, geniale! E anche alcune piccole librerie di quartiere limitrofi al mio! :) Tante iniziative utile per educare e sensibilizzare!

      Elimina
  4. Ottimi consigli, anche se secondo me il problema è tantissimi italiani non leggono!
    Personalmente aggiungerei anche una cosa: librerie che consentono, con un 10% di sconto, l'acquisto (tramite pc della libreria) di ebook.
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cavolo, geniale la tua idea, non ci avevo neanche pensato io! A questo punto aggiungere anche un wifi gratuito per i clienti!

      Elimina
  5. il punto è che i piccoli esercizi commerciali, non parlo solo di librerie, sono approssimativi. ed è anche per questo che chiudono

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero, molti tirano a campare, la realtà è che un attività è una vera e propria mission per vivere bene e creare qualcosa di solido e per quanto possibile duraturo!

      Elimina
  6. Hai dato davvero degli ottimi suggerimenti: anche io penso che le vecchie librerie (ma i vecchi negzietti in generale) abbiano un gran potenziale, ma dovrebbero adeguarsi ai tempi!
    Potrebbero diventare un vero luogo di ritrovo oer appassionati in alternativa alle grandi librerie, che sono sì organizzatissime ma completamente impersonali ed in molti casi anche piuttosto fredde.
    Baci!
    S
    https://s-fashion-avenue.blogspot.it

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo in pieno, ma io sono per i ritrovi e i posti che diventano punti di riferimento per i giovani e i meno giovani!

      Elimina
  7. che dire? non hai tralasciato nulla, ottimissimi suggerimenti
    nuova recensione da me <<< acquistare capi di qualità e risparmiare >>>
    buon martedì

    RispondiElimina
  8. Ma caspita...una Cannavacciuola libresca..perfetta per librerie da incubo :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Comunque io ho sempre odiato la musica di sottofondo nei negozi. Mi piace poter scegliere al meglio senza ronzio nelle orecchie :D

      Mi è piaciuta molto la parte sui libri, l'idea dell'appuntamento al buio è davvero particolare. Splendida anche l'idea del Book box!

      Elimina
    2. Grazieeeee :) io amerei dei book box *.* Comunque la questione sottofondo non accontenterà mai nessuno! :)

      Elimina
  9. In una libreria così ci passerei la vita!!! A proposito dei pasteles di banana, purtroppo la banana conferisce all'impasto una densità che nessun altro frutto conferisce. Forse proverei con i cachi quando è stagione. Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. :) :) :) Nuuuu ma che peccato, mi sarebbero piaciuti un sacco con un frutto diverso *.*

      Elimina
  10. Davvero interessante questo post, sono una grande lettrice sia di libri cartacei che eBook. Utilizzo spesso il Kindle ma ovviamente nient è paragonabile allo sfogliare le pagine vere. Mi piace entrare nelle librerie e passarci ore intere. Adoro l'idea dei libri al buio!

    Giulia
    https://bigiublog19.blogspot.it

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che bello leggere i vostri commenti tutti diversi uno dall'altro ma tutti con un grande amore per la lettura...presto cederò anche io al Kindle ma solo per i manuali che mi servono sempre con me per il lavoro! :)

      Elimina
  11. Quanti bei suggerimenti che proponi, un post molto interessante! Buona serata!

    RispondiElimina
  12. Ottimi consigli! Mi piace il tuo blog, ti andrebbe di seguirci a vicenda?:)

    https://julesonthemoon.blogspot.it

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi fa molto piacere che ti piaccia il mio blog e che trovi utile questo post! Volentieri per lo seguirci a vicenda! :*

      Elimina
  13. ciao! che bei consigli, a certe iniziative librose non avevo mai pensato e mi invoglierebbe a frequentare le piccole librerie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che bello sapere concretamente da voi che questi consigli vi avvicinerebbero di più alla realtà delle piccole librerie indipendenti *.*

      Elimina
  14. lovely post & love these pictures dear,thanks for sharing..

    https://clicknorder.pk online shopping in pakistan

    RispondiElimina
  15. l'idea è grandiosa e quasi quasi mi fai sentire in colpa, con i miei 2 kindle ho eliminato totalmente il cartaceo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahah anche gli ebook hanno una loro utilità, penso che presto anche io comprerò un Kindle per portarmi dietro facilmente molti manuali che utilizzo per il lavoro! :)

      Elimina
  16. Probabilmente io sono fuori dal coro, ma i libri sono l'unica cosa che non acquisto online. Vado molto a sensazione quando acquisto un libro ed importante perciò averlo tra le mani mentre leggo la descrizione. Tutti i tuoi consigli sono davvero ottimi e personalizzare la libreria è un buon modo per renderla confortevole per noi amanti della lettura.
    un bacione
    admaiorasemper.website

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che bello sapere che non sono un'anima fuori dal coro da sola *.* Anche io quando compero i miei libri vado a sentimento e per farlo devo averli davanti *.* Mi fa piacere che da consumatrice di libri e da utente di libreria trovi i miei consigli utili! :)

      Elimina
  17. Grazie per i preziosi consigli!! Comunque adoro le librerie, solo entrare e sentire il profumo dei libri, è una sensazione che mi ricorda tanto la mia infanzia, diciamo che ci passavo interi pomeriggi nella libreria di amici di famiglia!
    Buona giornata
    Sy

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma che infanzia meravigliosa *.* ah, l'odore dei libri, è una dipendenza per me! *.*

      Elimina
  18. Ciao! Complimenti per il blog! Mi piace moltissimo! Sono diventata una tua lettrice fissa!
    Bellissimo Post, noi amiamo i libri e librerie :D
    Buon fine settimana!

    RispondiElimina
  19. Ottimi consigli, molto validi ed utili, cercherò di metterne in pratica alcuni. Io per evitare di avere problemi di spazio, porto i libri meno importanti in post dove'è possibile fare scambio.
    Buona serata e cari saluti,
    Flo

    RispondiElimina
  20. Mi trovi pienamente d'accordo, hai dato sei suggerimenti molto sensati e validi che dovrebbero ascoltare in molti. Anche nella mia zona purtroppo ormai non c'è più una libreria e per trovarne una devo farmi dei km in macchina. Non è giusto uffa! :(
    Bacione e buon weekend! :*
    Luna
    http://www.fashionsnobber.com

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Speriamo mia cara speriamo...una libreria così sarebbe meravigliosa secondo me! Purtroppo sono in pochi i librari che decidono di rendere qualcosa di più la loro libreria!

      Elimina
  21. Bellissime idee..sarebbe davvero da sogno!! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, anche per me...Qui a Bologna ora qualcosina in positivo nelle librerie per ragazzi e bambini si sta smuovendo, speriamo che le cose vadano a migliorare!

      Elimina
  22. Ottimi consigli, è un peccato che le librerie stanno chiudendo. Io preferisco di grand lunga libri cartacei, non riesco a leggere su Kindle
    www.alessandrastyle.com

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, un vero peccato, anche perché i libri cartacei regalano grandi emozioni ed è bello quando scopri qualcosa grazie magari a un altro lettore che è anche il tuo libraio di fiducia!

      Elimina
  23. Ripasso qua per farti un saluto..e un caro augurio di Buona Pasqua!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie caro, spero che anche tu abbia passato buone feste! <3

      Elimina
  24. Tantissimi auguri per una Pasqua piena di allegria, buon cibo e tanto cioccolato!
    Alice

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille! Spero che anche tu abbia passato delle buone e cioccolatose feste!

      Elimina
  25. Direi che sei stata bravissima! Io evito di acquistare libri in line a meno che non siano proprio testi specializzati,altrimenti introvabili.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io sai? Anche se penso che a breve comprerò un ebook reader perché non posso rinunciare alla comodità di avere certi manuali sempre con me duranti il lavoro e tutti gli spostamenti che mi comporta! Lo so, sono una figlia del male!

      Elimina
  26. Ma bravissima, i tuoi consigli saranno davvero utilissimi, una libreria così farebbe gola a chiunque, soprattutto ai lettori. Buona giornata, Federica, e complimenti anche per il blog.
    sinforosa

    RispondiElimina
  27. Bellissimo post, davvero. Nella mia città c'era una bellissima libreria nel centro storico che ho bazzicato da quando ero piccola fino a qualche anno fà. C'era un'atmosfera stupenda, sembrava davvero di entrare in un luogo magico. Purtroppo poi si è trasferita in una zona industriale, in un anonimo magazzino e tutta la poesia è svanita. Questo, unito al fatto che è dalla parte opposta della città, ha fatto sì che l'abbandonassi. Per il resto ci sono solo librerie di grandi catene, dove di speciale c'è poco. Senza contare che nove volte su dieci non hanno i libri che cerco. Quindi ahimè mi sono data agli acquisti on line. I tuoi suggerimenti sono molto azzeccati e penso che ogni libreria li dovrebbe mettere in pratica! Ci fosse una libreria che mette in pratica anche solo un paio dei tuoi spunti, potrei ricominciare a comprare "dal vivo"

    RispondiElimina